19 Ott 2014

SECONDO PIAZZAMENTO CONSECUTIVO NELLA TOP TEN PER SIMEON. BALDASSARRI TORNA A PUNTI

SECONDO PIAZZAMENTO CONSECUTIVO NELLA TOP TEN PER SIMEON. BALDASSARRI TORNA A PUNTI

Dopo il decimo posto ottenuto una settimana fa a Motegi, Xavier Siméon ha conquistato nel Gran Premio d’Australia corso oggi a Phillip Island un altro positivo piazzamento nella top ten, tagliando la linea del traguardo al nono posto. In sella alla Suter del Team Federal Oil Gresini Moto2, il venticinquenne pilota belga ha perso terreno nelle fasi iniziali in seguito a un errore dopodiché, nonostante il forte vento che, è riuscito a impostare un buon ritmo e a rimontare posizioni ingaggiando una bella lotta con Torres, Morbidelli e Aegerter. Quest’ultimo è poi riuscito ad avere la meglio su Siméon in volata per soli 6 millesimi. Sulla Suter del Team Gresini Moto2, l’esordiente Lorenzo Baldassarri ha conquistato il suo terzo piazzamento a punti della stagione, dopo quelli collezionati a Barcellona e ad Assen, grazie al 14° posto: il diciassettenne marchigiano, scattato diciottesimo, è stato protagonista di una gara in crescendo, superando proprio all’ultimo giro Jonas Folger e raccogliendo così 2 punti. XAVIER SIMEON (9°)“Sono contento di questo risultato, anche se all’inizio della gara sono arrivato lungo perdendo diverse posizioni. Ho potuto rimontare, anche se in realtà il forte vento ha complicato le cose ed è stato difficile ripetere il ritmo tenuto ieri in prova, perché non avevo più le stesse sensazioni in sella. In ogni caso, la lotta con Aegerter, Torres e Morbidelli è stata molto divertente, ci siamo superati molte volte! Sono soltanto un po’ dispiaciuto per aver perso l’ottavo posto sulla linea d’arrivo per soli 6 millesimi nei confronti di Aegerter. Come in Giappone, abbiamo centrato nuovamente la top ten: due belle gare che ci danno una grande fiducia dopo un periodo negativo”. LORENZO BALDASSARRI (14°)“Sono molto contento! Già prima di partire ero fiducioso e sapevo di poter puntare alla zona punti, poi però all’inizio della gara ho incontrato difficoltà, perdendo tempo nella bagarre con altri piloti e soffrendo ancora problemi di sottosterzo sui curvoni veloci, anche a causa del forte vento. In seguito è calato anche il grip al posteriore, ma verso la fine della gara sono riuscito a cambiare la mia guida, compensando i problemi all’anteriore e gestendo anche la derapata. Ho così raggiunto il gruppetto davanti a me e all’ultimo giro ho anche superato Folger e ottenuto il mio miglior tempo della gara”.

Pubblicato il : 19 Ott 2014