11 Ott 2014

PROGRESSI SIGNIFICATIVI PER SIMEON E BALDASSARRI NELLE SERRATE QUALIFICHE DI MOTEGI

PROGRESSI SIGNIFICATIVI PER SIMEON E BALDASSARRI NELLE SERRATE QUALIFICHE DI MOTEGI

Xavier Siméon scatterà dalla tredicesima posizione in griglia nel Gran Premio del Giappone in programma domani in sella alla Suter del Team Federal Oil Gresini Moto2: un risultato incoraggiante che segna un miglioramento rispetto alle prestazioni ottenute in qualifica negli ultimi cinque Gran Premi. Il venticinquenne pilota belga ha inoltre limitato a meno di 8 decimi di secondo il distacco dalla pole position, grazie a una modifica alle geometrie del telaio che gli ha consentito di ritrovare competitività e buone sensazioni. Anche nel box del Team Gresini Moto2 sono stati fatti buoni progressi, con Lorenzo Baldassarri che è sceso di quasi due secondi tra il crono ottenuto ieri nel primo turno di prove libere e il tempo di qualifica odierno, sintomo di una crescita costante nell’arco del weekend. L’esordiente marchigiano scatterà dalla ventunesima casella e domattina nel warm up proverà a compiere un ulteriore step andando alla ricerca di un maggior grip al posteriore. XAVIER SIMEON (13°- 1'51"653)“Sono molto contento perché oggi abbiamo compiuto un grande passo in avanti con il set-up, ritrovando sensazioni con la moto che non avevo più da diverse gare. Abbiamo apportato una modifica alle geometrie del telaio che si è subito rivelata efficace e mi ha consentito di tenere un buon passo. Sono soltanto un po’ deluso per la posizione finale in qualifica, che non rende merito a quanto di buono è stato fatto oggi: perdere la seconda fila per così poco è frustrante, ma l’importante è che le sensazioni in sella siano buone e mi permettano di essere veloce. È un buon segno in vista della gara di domani e spero anche per i prossimi appuntamenti”. LORENZO BALDASSARRI (21° - 1'52"293)“Ieri siamo partiti veramente molto attardati, ma la cosa positiva è che sono sempre andato in crescendo: è migliorato il mio tempo sul giro e anche la posizione, significa che stiamo tornando all’attacco, anche se manca ancora qualcosa. Domani continueremo a lavorare, concentrandoci soprattutto sul posteriore, dove manca ancora grip. Il mio passo è buono, per cui se domani riusciremo a compiere un altro step in avanti potremo fare una bella gara”.

Pubblicato il : 11 Ott 2014