GRAN PREMIO DE LA REPUBLICA ARGENTINA - PROVE LIBERE - ESORDIO SUL CIRCUITO ARGENTINO.


Prima giornata di prove Argentine per il Motomondiale. Il tracciato evidenzia sin da subito una particolare mancanza di aderenza dovuta alla presenza di terra e sabbia sull'asfalto che fa scivolare molto la ruota posteriore in fase di accelerazione, questo scivolamento anomalo determina un degrado repentino del pneumatico posteriore. Domani le condizioni della pista dovrebbero via via migliorare con la “gommatura” delle traiettorie.
Andrea Iannone nelle FP1 scende in pista cercando di individuare le migliori linee ed interpretare al meglio questo circuito assolutamente nuovo, chiude il primo turno di libere in quarta posizione con buone sensazioni generali. Nel secondo turno di prove libere l’obiettivo di Andrea ed il Team è di trovare la soluzione al problema del degrado dello pneumatico posteriore, purtroppo il lavoro è stato rallentato da una caduta al quinto giro causata da un problema tecnico. Rientrato in pista il venticinquenne si migliora chiudendo la giornata con il decimo tempo 1’41”924 migliorando il suo tempo sul giro di quasi due secondi rispetto al turno della mattina. 

Andrea Iannone (Pramac Racing) “Questa mattina siamo stati subito veloci, riuscivo ad avere molta confidenza con la pista nonostante l’assenza di grip. Mi dispiace che nel secondo turno di prove libere dopo pochi giri abbiamo avuto un problema tecnico e ho fatto una brutta caduta, anche perché in quel punto si arriva molto veloci. Ho un po’ di mal di testa, ma per la dinamica dell’incidente potevo farmi molto più male. Ringrazio il team e la Ducati per il supporto.” 

Pubblicato il : 24 Apr 2014