GRAN PREMIO D'ITALIA - PROVE LIBERE - CONDIZIONI DIFFICILI PER SIMEON E BALDASSARRI NEL PRIMO GIORNO DI LIBERE AL MUGELLO.

GRAN PREMIO D'ITALIA - GO&FUN

In una giornata condizionata nel pomeriggio dalla pioggia, Xavier Siméon e il Team Federal Oil Gresini Moto2 hanno affrontato oggi le prime due sessioni di prove libere del Gran Premio d’Italia.
 
Al mattino Siméon ha utilizzato le gomme a mescola più dura chiudendo con il 22° miglior tempo, 1’54”390: una posizione senza dubbio al di sotto dalle aspettative, ma che non scalfisce l’ottimismo del pilota belga, che ha già raggiunto anche su questo tracciato un buon feeling con la sua Suter. Nel pomeriggio Xavier ha effettuato diversi giri sul bagnato ottenendo buoni riscontri anche in queste condizioni.
 
Lorenzo Baldassarri, Team Gresini Moto2, ha chiuso con il 24° miglior tempo in 1’54”796: anche l’esordiente marchigiano non ha avuto la possibilità di migliorarsi al pomeriggio, ma ha comunque sfruttato il turno pomeridiano per fare esperienza sul bagnato.

XAVIER SIMEON (22° - 1'54"390) “È stata una giornata di prove strana, questa mattina sull’asciutto per vari motivi non siamo riusciti ad essere veloci, ma non ero preoccupato perché il feeling con la moto non era per niente male e oltretutto ho utilizzato soltanto la gomma dura, su una pista dove la gomma più morbida fa la differenza; contavo di migliorarmi nel pomeriggio, ma purtroppo è piovuto poco prima della seconda sessione e abbiamo perso tempo aspettando che si asciugasse la pista, dopodiché è ripreso a piovere. Sono comunque molto contento anche delle sensazioni che ho avuto sul bagnato: era pur sempre la prima volta che provavo questa moto in condizioni di pioggia e mi sono trovato a mio agio. In generale la situazione è buona, sia sull’asciutto che sul bagnato; spero comunque che incontreremo bel tempo domani”.

LORENZO BALDASSARRI (24° - 1'54"796) “Ho iniziato il primo turno di prove molto determinato e stavo andando bene, però nel prosieguo della sessione non sono riuscito a migliorarmi molto: sono comunque convinto che ci sia ancora tanto margine. Avrei voluto continuare a lavorare step by step, come di consueto, nel pomeriggio, ma le condizioni non ce lo hanno permesso: ho fatto soltanto un paio di giri con la pista umida, dopodiché sono rientrato in pista quando ha iniziato a piovere più forte, per fare esperienza con questa moto sul bagnato”.

Pubblicato il : 29 Mag 2014