25 Giu 2014

BAUTISTA RALLENTATO DAL TRAFFICO NELLE LIBERE DI ASSEN. CONFERME PER REDDING

BAUTISTA RALLENTATO DAL TRAFFICO NELLE LIBERE DI ASSEN. CONFERME PER REDDING

Il Team GO&FUN Honda Gresini è stato protagonista oggi di una prima giornata di prove positiva sullo storico tracciato di Assen, teatro questo fine settimana del Gran Premio d’Olanda. Entrambi i piloti, Alvaro Bautista e Scott Redding, hanno infatti riscontrato un buon feeling in sella alle rispettive moto durante le prime due sessioni di prove libere. L’undicesima posizione di Alvaro Bautista nella classifica combinata dei tempi in realtà non rispecchia del tutto la situazione del pilota spagnolo, che ha indidivuato miglioramenti incoraggianti rispetto agli ultimi due Gran Premi, ma è stato rallentato dal traffico, che non gli ha permesso di completare un giro ‘pulito’: lo testimonia il suo ideal time, somma dei suoi migliori tempi nei settori del tracciato, che è di oltre tre decimi più rapido del crono di 1’34”466 segnato nel pomeriggio. Subito dietro a Bautista ha chiuso in dodicesima posizione Scott Redding, confermatosi il più veloce in sella alla sua RCV1000R con il tempo di 1’35”445, oltre 3 decimi di secondo più veloce della più vicina tra le altre tre Honda in configurazione Open.

ALVARO BAUTISTA (11° - 1'34"466) “Su questa pista ci sono diverse curve veloci, come già capitato nelle ultime due gare al Mugello e a Barcellona: è proprio in questo tipo di curve che al momento stiamo faticando di più, però oggi siamo comunque riusciti a migliorare il mio feeling in sella provando diverse soluzioni di set-up e in realtà adesso mi sento più a mio agio. La nostra posizione in classifica del resto non dice tutta la verità: purtroppo ho trovato molto traffico in pista e non sono mai riuscito a fare un giro pulito. Sono quindi fiducioso in vista della giornata di domani, soprattutto perché le mie sensazioni in moto sono buone. Oggi abbiamo usato anche dei nuovi particolari dei freni che avevamo provato nei test post-gara di Barcellona: si tratta di piccoli miglioramenti, comunque importanti per consentirci di fare altri piccoli passi avanti. Domani continueremo a lavorare con l’obiettivo di migliorare il comportamento della moto, dopodiché vedremo cosa potremo riuscire ad ottenere”.

SCOTT REDDING (12° - 1'35"445) “Oggi è andata bene sia al mattino che al pomeriggio: inizialmente mi sono trovato soltanto un po’ in difficoltà su questo circuito, che non è affatto semplice da affrontare con una MotoGP. Ci sono curve veramente molto veloci, nelle quali la moto tende a scivolare e a impennare e in più ci si rende conto della velocità soltanto quando si esce fuori pista! Questa mattina sono andato lungo alla Curva 6 e ho preso un po’ uno spavento… Stiamo faticando un po’ nel primo settore del tracciato, mentre la situazione è buona negli altri. Abbiamo un po’ di chattering all’anteriore e dovremo andare alla ricerca di un po’ più di grip al posteriore, ma in generale sono molto contento della moto e credo che lo siano anche i ragazzi del team”.

FAUSTO GRESINI “Sono un po’ dispiaciuto per Bautista, perché in realtà a prescindere dalla posizione finale oggi abbiamo lavorato bene; purtroppo nel fina del secondo turno, quando abbiamo provato a segnare un buon tempo, Alvaro ha sempre trovato davanti a lui altri piloti che lo hanno rallentato. Avremmo sicuramente potuto fare meglio, perciò questa prestazione non ci rende giustizia. Redding ha effettuato due buone sessioni di prove, tenendo un buon ritmo e confermandosi come la migliore delle Honda in configurazione Open: il distacco dalla vetta è abbastanza elevato, ma del resto il nostro riferimento sono le altre Production Racer, per cui possiamo dire di aver fatto bene il nostro mestiere oggi”.

Pubblicato il : 25 Giu 2014