GRAN PREMI DE CATALUNYA - GARA - BAUTISTA COSTRETTO AL RITIRO IN CATALOGNA. REDDING ANCORA A PUNTI.

GRAN PREMI DE CATALUNYA - GARA - Go&Fun

Alvaro Bautista lascia la Catalogna a mani vuote: il pilota spagnolo del Team GO&FUN Honda Gresini è infatti stato costretto al ritiro nel Gran Premio di casa quando la sua Honda RC213V si è ammutolita dopo soli tre giri. Una prima analisi ha evidenziato un problema elettrico, anche se ora il team indagherà più a fondo assieme a HRC le ragioni dell’inconveniente.
 
Il compagno di squadra di Bautista, Scott Redding, ha invece tagliato il traguardo in dodicesima posizione, primo tra i piloti in sella alla Honda RCV1000R in configurazione Open. Dopo la gara, al tempo finale del rookie inglese è stato aggiunto mezzo secondo a causa di una escursione fuori pista alla curva 1: la classifica definitiva vede perciò Redding in tredicesima posizione, dietro alla RCV1000R di Nicky Hayden. Dopo l’escursione, Scott aveva comunque rallentato nel successivo settore del tracciato, facendo riavvicinare Hayden che si trovava alle sue spalle. 

ALVARO BAUTISTA (Rit.) “Dopo soli tre giri la moto si è spenta mentre ero in rettilineo e non ho potuto continuare la gara… Da una prima analisi sembrerebbe un problema elettrico, ma ora indagheremo per capire meglio cos’è successo. Sono dispiaciuto, ovviamente, perché nonostante i dolori della caduta di ieri volevo fortemente prendere parte alla gara e all’inizio mi sentivo anche a mio agio. Penso che avremmo potuto raccogliere un buon risultato, ma sono cose che accadono. Adesso dobbiamo concentrarci sui test che effettueremo qui domani e sulla prossima gara”. 

SCOTT REDDING (13°) “Sono contento della mia gara, anche se all’inizio mi sono toccato con Crutchlow, perdendo un secondo, e questo ha consentito a Hayden di riavvicinarsi. Alla fine, a prescindere dalla penalizzazione, siamo comunque riusciti a confermarci come la migliore Honda in configurazione Open, centrando l’obiettivo che ci eravamo posti. Sono contento anche perché sono andato bene su questa pista che non è certo una delle mie preferite. Abbiamo scelto di utilizzare la gomma morbida, rischiando, ma alla fine non si è rivelata una scelta sbagliata. Riguardo alla penalizzazione, ho avuto un problema in scalata alla curva 1, perciò anziché rischiare di cadere ho preferito andare leggermente dritto; così facendo ho guadagnato un po’ di tempo, ma nel successivo settore della pista ho rallentato. Ciononostante hanno aggiunto al mio tempo di gara il tempo che ho guadagnato, senza però considerare il mio rallentamento. È difficile da accettare perché se non avessi rallentato, anche con la penalizzazione avrei mantenuto la posizione. Sono un po’ deluso, ma non posso farci niente”.

FAUSTO GRESINI “Peccato per il problema occorso a Bautista: dopo soli tre giri la moto si è spenta e non ha potuto proseguire. È comunque stato un weekend difficile in generale, con Alvaro che si è presentato al via della gara dolorante in seguito alla caduta di ieri. Potevamo in ogni caso provare a raccogliere punti importanti, invece purtroppo il suo Gran Premio è finito subito. Adesso verificheremo meglio anche con HRC qual è stato l’inconveniente. Scott ha ottenuto il massimo dal pacchetto che ha a disposizione: penalità a parte, che riteniamo severa dato che Scott ha rallentato dopo l’escursione, si è confermato al vertice tra i piloti che hanno a disposizione la ‘Production Racer’, perciò sono soddisfatto del suo rendimento e anche fiducioso in vista dei prossimi appuntamenti”.

Pubblicato il : 14 Giu 2014