27 Set 2014

ARAGON: IANNONE TRADITO DALLA PIOGGIA.

Iannone - Pramac - Go&Fun

Dopo Assen e il Sachsenring anche la gara di Aragon è stata caratterizzata dalla pioggia e dell'incertezza più assoluta. Andrea Iannone è stato una delle prime vittime delle numerose cadute che si sono verificate in questo appuntamento. 

Gara breve ma intensa per Andrea Iannone. Ad Aragon il pilota di Vasto è stato protagonista di una partenza a razzo che gli ha consentito di lottare con Marc Marquez per la testa della corsa per tutto il primo giro. Sfortunatamente al secondo giro Andrea è finito con la ruota posteriore sulla scivolosissima erba sintetica che delimita il circuito in uscita di curva, infatti dopo la pioggia della mattina l'erba non si era ancora asciugata ed è stata fatale anche per altri piloti. Per lui è stato impossibile controllare la moto che lo ha letteralmente fiondato per terra. Andrea è incolume ma è rammaricato per l'incidente che gli ha impedito di essere protagonista in un gran premio che era partito decisamente col piede giusto. Andrea ci riproverà nella tournée asiatica.

Andrea Iannone (Pramac Racing) “Sono partito bene, ho battagliato con Marc e mi sentivo a mio agio con la moto. Poi purtroppo sono caduto. Mi dispiace per quello che è successo perché potevo puntare al podio. Ho preso la stessa traiettoria di Marc ma in uscita di curva mi sono ritrovato leggermente poco più fuori del cordolo dove c’è l'erba sintetica. Stavo per fare un high-side ma sono riuscito a riprendere la moto. Dopo però mi sono ritrovato sull’erba ad una velocità molto alta senza poter usare i freni e mi è partita. Era una situazione difficile. Voglio pensare subito alla prossima gara sperando di ripetere o migliorare lo stesso risultato delle qualifiche per poi chiudere il weekend in bellezza.”

Pubblicato il : 27 Set 2014